Calle Varisco: la più piccola di Venezia

Calle Varisco a Venezia è una delle strade più strette della città, e deve il suo nome alla famiglia Varisco la quale si trasferì a Venezia da Bergamo nel XV secolo.

Oltre ad essere conosciuti in città come setaioli in una bottega di Rialto, le cronache di quei tempi raccontano i Varisco come protagonisti di due episodi violenti che gli costarono un periodo di reclusione.
Nel 1488 Giovanni Varisco, considerato “uomo rissoso e dal cattivo temperamento”, ferì con un coltello Luigi Dragan nei pressi della basilica dei Santi Giovanni e Paolo.
Non sono conosciute le motivazioni che spinsero Giovanni a compiere il gesto. Pochi anni dopo, nel 1491, è Pietro Varisco (il più anziano della famiglia) che, accusato di truffa da un giovane servitore di nome Marco, ordina al figlio Luigi di schiaffeggiare il ragazzo.
Il risultato della discussione non tarda ad arrivare, ed il giorno 8 Marzo del 1491 il tribunale della Serenissima condanna padre e figlio ad un anno di reclusione insieme al pagamento di una grossa somma di denaro.
L’efficienza amministrativa dei tribunali e la severità delle prigioni della Serenissima Repubblica, servirono solo in parte ad arginare la criminalità a Venezia tanto che quella dei Varisco non è una vicenda isolata, e certamente non la più grave di quelle che riportano le cronache giudiziarie di quei tempi.

Ti interessa scoprire le storie più affascinanti di Venezia? Unisciti a noi!

Per individuare Calle Varisco sulle mappe di Google clicca qui

Una passeggiata nella storia di Venezia

La storia di Venezia è ancora più affascinante se lasci che a raccontartela sia la città stessa.

Oltre i maestosi palazzi che si affacciano lungo i canali, lo splendore di Venezia è testimoniato da tanti piccoli particolari che sono resistiti fino ai giorni nostri e ci raccontano la storia di Venezia come una città unica al mondo.

Alcuni di questi particolari sono molto espliciti come i nizioleti, le targhe che riportano il nome delle calli, e ci ricordano chi lavorava in quella strada o quale famiglia Veneziana ci vivesse; ad esempio: nel Sestiere di Cannaregio il sottoportego dei lustraferri ospitava quei lavoratori specializzati nella rifinitura dei degli oggetti metallici, specialmente quelli utilizzati per realizzare le gondole. A Castello, nella calle dei tagliapietra si trovavano gli scalpellini che lavoravano la pietra grezza da impiegare nelle costruzioni dei palazzi e le chiese. San Marco, dove approdavano le imbarcazioni dei mercanti, era il posto giusto dove cercare ospitalità per la notte, più precisamente in Calle de la Vida o delle Locande.

Questi sono solo 3 dei quattromila nizioleti che potrai trovare a Venezia, ciascuno di essi con una storia da raccontare, troppi per descriverli tutti!

I visitatori più attenti, rimangono spesso affascinati da alcuni simboli scolpiti che incontrano passeggiando per la città, meno espliciti nel significato rispetto i nizioleti, e più profondi da interpretare.

Se la storia di Venezia fosse un film, tra i principali protagonisti vedresti senza alcun dubbio i lavoratori veneziani che, suddivisi per categoria di appartenenza – le scuole – hanno sostenuto lo sviluppo della città; le tracce del loro contributo sono ancora visibili se saprai riconoscere i loro simboli. A San Marco: la scuola degli spaderi, la scuola dei mercanti e la scuola dei muratori; a Cannaregio la scuola dei pittori e la scuola dei sartori; a Castello la confraternita dei Frutarioli.

Camminando tra il Ponte di Rialto e la Basilica di San Marco, alcune calli riportano i simboli dei prodotti che si potevano trovare: pesche, frutta secca e botti di legno.

L’importanza del lavoro nella storia di Venezia era tale da meritare uno spazio di rilievo anche nel cuore della città; ne sono un esempio le sculture alla base delle due grandi colonne alle porte di piazza San Marco che rappresentano: i vinai, i pescivendoli, i fabbri e i salinieri, insieme al capitello di una delle colonne del portico del pianterreno di Palazzo Ducale dedicato alle arti e ai mestieri.

Certamente questo articolo riporta solo una piccola parte della storia di Venezia.

Se questo argomento ti appassiona, prendi parte ad uno dei nostri spettacoli di Adventure Theater per un vero viaggio nel tempo in 

compagnia di attori professionisti che ti mostreranno la città e la sua storia attraverso un’esperienza insolita lontano dalla folla!

Chiesa di San Zaccaria a Venezia: qualcosa da sapere prima di visitarla

I tesori del Sestiere di Castello: la chiesa di San Zaccaria.

La chiesa di San Zaccaria è una delle più antiche a Venezia, e alcuni la attribuiscono a S.Magno che la fondò nel VII secolo sull’isola di Ombriola.

A quei tempi l’isola era un semplice campo di erbacce come tanti altri nella laguna, ma ricevute in dono dall’Imperatore Leone V le spoglie di Zaccaria, i Dogi Angelo e Giustiniano Partecipazio colsero l’occasione per ingrandire il complesso affiancando alla chiesa un convento di benedettine.

Read More

L’ Arsenale di Venezia: qualcosa da sapere prima di visitarlo

Il fiore all’occhiello della Repubblica: l’ Arsenale di Venezia.

L’ Arsenale di Venezia è una vasta area del sestiere di Castello dove, maestranze super specializzate producevano le imbarcazioni che hanno reso grande la Repubblica tanto in ambito militare quanto commerciale.

Fino al 1100 l’industria navale veneziana era frammentata tra i canali della laguna dove piccole officine, detti Squero, realizzavano e riparavano le imbarcazioni che transitavano tra le isole della laguna.

Read More

Ghetto di Venezia

Il Ghetto di Venezia.

Nella prima metà del 1500 il Senato di Venezia istituisce il primo Ghetto in Europa, per confinare le comunità di fede ebraica in un’isola del sestiere di Cannaregio.

Oltre la cinta di edifici disposti lungo il perimetro limitando il collegamento con Venezia a due soli ponti, una serie di norme regolavano l’interazione della comunità ebraica con quella cattolica prevalente a Venezia.

Read More